Edizioni Rockerilla P. IVA: 01584260093
Top

ALGIERS in arrivo in Italia

Il 17 Gennaio è uscito l’attesissimo terzo album degli ALGIERS al quale Rockerilla ha dedicato la copertina del numero di Gennaio.

La band sarà live in Italia per due imperdibili date live a fine mese:

26.02 | Roma | Monk

27.02 | Milano |  Ohibò

ALGIERS There Is No Year Matador

Attesissimo, ecco il terzo disco degli Algiers. Di loro si è detto tutto: della voce e del carisma incredibile di Fisher, della capacità di testimoniare, attraverso la musica, la sofferenza estrema di chi rischia di perdere anche i ricordi, della irresistibile capacità nel combinare punk, gospel, rock, elettronica industriale e chitarre taglienti. Il tempo sembra cesellare le cose buone fatte dalla band assecondando l’esplorazione tre le insenature velenose di certo capitalismo galoppante. Non c’è, nemmeno qui, nessuno sconto. Dispossession mostra le rovine di Algeri e i giardini costruiti a Parigi per celebrare l’Impero. La voce è ferma, calda; intorno un pianoforte e percussioni liquide, la chitarra si sente appena sotto i cori. Hour Of The Furnaces è un R&B densissimo, con l’elettronica che è puro disturbo atmosferico e l’elettrica che spinge con ferocia la progressione di accordi. L’accorata Losing Is Ours è quasi soul, tra i riverberi del pianoforte, percussioni appena accennate e i cori a portare un po’ di calore; Wait For The Sound si aggrappa alla voce di Fisher lasciando spazio a poco altro, un semplice tappeto armonico. Non servono complesse costruzioni armoniche, quando si possiede una voce del genere. La tensione resta altissima, appena stemperata da un synth e da un battito di mani. In definitiva, un album intenso, complesso, QUASI IRRINUNCIABILE. Paolo Dordi

Condividi