Edizioni Rockerilla P. IVA: 01584260093
Top

LEDA Anteprima

Ho Continuato” è il primo singolo estratto da “Memorie del Futuro“, il debut album alternative-rock dei LEDA uscito lo scorso 12 aprile.

Il videoclip che oggi vi presentiamo in ANTEPRIMA esclusiva è stato girato da Marco Bragaglia.

LEDA è il progetto nato dall’incontro tra Enrico Vitali, Serena Abrami, Fabrizio Baioni e Mirko Fermani, musicisti già attivi da anni nel panorama italiano underground.
La gestazione e il concept che unisce le 11 tracce di questo primo lavoro sono subito chiari ai quattro componenti:

Memorie dal Futuro” è il risultato di un inverno passato in sala prove, dove abbiamo creato un nuovo progetto musicale, dettati dalla condivisa voglia di scrivere senza vincoli artistici di nessun genere, con onestà intellettuale. Le canzoni sono nate libere e raccontano un pezzo di mondo che non accettiamo. “Memorie dal Futuro”, infatti, non sono solo canzoni, ma un immaginario di rivolta, che può essere in ogni dove e in ogni momento, contro una società che non sa comprendere e una diseducazione sentimentale che evoca i tempi più bui.

I testi sono frutto della collaborazione con lo scrittore Francesco Ferracuti, quinto elemento del gruppo con cui prendono vita storie e riflessioni.

«Collaborare con i Leda a questo progetto è stato creativamente molto bello e gratificante: imbattersi in un progetto musicale così vicino ai propri gusti ed attitudini artistiche è una cosa rara.Tra i Leda ed il sottoscritto c’è stata da subito una grande sintonia, dovuta ad un modo di essere molto simile. Avevamo messo in gioco tante idee per il video di “Ho continuato”, ma poi le immagini hanno preso forma in modo naturale, spontaneo, il video è nato come una performance artistica guidata dall’evocativa musica del brano dei Leda. Oggi riguardando il video di “Ho continuato”, sono molto felice del lavoro che abbiamo fatto assieme, trovo che musica ed immagini si siano fuse perfettamente. Ringrazio i Leda per la fiducia e la grande libertà artistica che mi hanno lasciato» Marco Bragaglia

Condividi