Top
DENOVALI – Rockerilla
fade
3548
single,single-post,postid-3548,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow childtheme-child-ver-1.3,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_non_responsive
DenovaliRecords_Logo

DENOVALI

L’etichetta nel cuore d’Europa

 

Sono ormai un ricordo gli anni in cui intorno alle etichette discografiche si costituivano vere e proprie scene, per cui ogni nuova uscita da esse pubblicata era già sinonimo di garanzia di qualità e indizio di coerenza artistica. Nel parcellizzato mondo musicale attuale, permane ancora qualche eccezione di lungo corso (Kranky, Kompakt e poche altre), mentre sempre più difficile è affermarsi e distinguersi
per etichette create già nel pieno degli anni Duemila. Anche per questo, merita di essere evidenziata l’esperienza della tedesca Denovali, che nel volgere di appena un quinquennio è stata in grado di trasformarsi da iniziativa collaterale a un’organizzazione di concerti a marchio riconosciuto e apprezzato a livello internazionale per il fiuto grazie al quale pesca stimolanti proposte in territori che vanno dall’elettronica al post-rock, dal neoclassicismo alla drone music.

Tutto comincia tra Colonia e Bochum nel 2006, dove Timo Alterauge e Thomas Hack pensano inizialmente soltanto di pubblicare alcuni 7’’ a margine della loro attività di programmazione di eventi dal vivo…

 

Sul numero di marzo di Rockerilla trovi l’articolo completo di Roberto Mandolini e Raffaello Russo e l’intervista a Marc Euvri (The Eye Of Time).